Luce rossa e melatonina

Marzo 1, 2021

In questo articolo scopriamo il nesso tra melatonina e luce rossa.

La melatonina è collegata alla salute mitocondriale attraverso l’interazione con i complessi della catena respiratoria I e IV, incrementando l’efficienza dei processi legati alla fosforilazione ossidativa e del trasporto degli elettroni nella catena.

Inoltre, la melatonina sostiene i livelli di glutatione nei mitocondri, sia agendo direttamente come scavenger del dannoso radicale ossidrile, permettendo così di risparmiarlo, sia inducendo l’espressione dell’enzima gamma glutamilcisteina sintetasi, responsabile della catalizzazione dello step limitante nella sintesi del GSH. 

La melatonina agisce anche sovra-regolando l’enzima superossido dismutasi, incrementando il glutatione perossidasi e glutatione reduttasi. La coordinazione di questi 3 enzimi, in aggiunta alla catalasi, permette la detossificazione dall’eccesso di specie reattive dell’ossigeno e dell’azoto.

La luce rossa, che stimola la produzione naturale di melatonina, agisce quindi direttamente e indirettamente, tramite la modulazione dell’espressione di altre molecole antiossidanti, annientando l’eccesso di specie ossidanti, collegato alla miriade di malattie degenerative e croniche che affliggono la nostra società.

https://www.researchgate.net/publication/6485323_Melatonin_as_a_principal_component_of_red_light_therapy/link/5b2c0b300f7e9b0df5ba4d9a/download

Alessio Angeleri

Ti può interessare…

La luce rossa sconfigge la depressione

La luce rossa sconfigge la depressione

Abbiamo già visto come l’illuminazione a luce rossa dopo il tramonto predisponga e accompagni il nostro organismo verso il riposo notturno, e pertanto deve essere tassativamente l’ultima fonte di luce a cui dobbiamo esporci prima di addormentarci. Spegnere il prima...

La luce rossa contro lo stress ossidativo

La luce rossa contro lo stress ossidativo

Ormai sappiamo molto bene che l’eccesso di specie ossidanti, se non opportunamente controbilanciate, porta inesorabilmente alla patogenesi di quasi tutte le malattie degenerative e croniche che ben conosciamo. La fototerapia / fotobiomodulazione, è uno strumento...

Fotobiomodulazione per la protezione della retina

Fotobiomodulazione per la protezione della retina

La luce rossa e del vicino infrarosso ha dimostrato avere effetti neuroprotettivi in diversi modelli di malattie della retina, migliorando il metabolismo mitocondriale e riducendo l’infiammazione e lo stress ossidativo, incrementando la funzionalità visiva. La...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *