La luce rossa riduce lo stress ossidativo e aiuta la memoria

Marzo 21, 2021

In un recente studio, l’illuminazione a luce rossa con led a 630nm (lo spettro delle Cyrcared), si è dimostrata efficace nella riduzione dello stress ossidativo e nel recupero della memoria in un modello murino di demenza a senescenza accelerata.

I trattamenti farmacologici per l’Alzheimer, fino ad ora, non si sono rivelati efficaci.

Il perossido di idrogeno (H202), una delle più famose specie reattive dell’ossigeno, è molto stabile, e il suo accumulo incontrollato contribuisce allo stress ossidativo osservato nei pazienti Alzheimer. 

Nello studio, l’illuminazione a luce rossa riduce i livelli di perossido di idrogeno e migliora la memoria.

Il perossido di idrogeno, inibisce la formaldeide deidrogenasi (FDH), la cui inattività, unita ai disordini dell’ammino ossidasi sensibile alla semicarbazide (SSAO), risulta in un’accumulazione endogena di formaldeide, che a sua volta causa deficienza di acetilcolina (Ach), uno dei neurotrasmettitori più importanti, inibendo l’attività del colina acetiltransferasi (ChAT). 

La luce rossa ha un tasso di penetrazione nel cranio e nell’addome di circa il 49 e il 43% rispettivamente, attivando la catalasi e l’FDH nel cervello, riducendo i livelli di perossido di idrogeno e formaldeide e ripristinando i livelli ottimali di acetilcolina.


Valutazione dei tassi di penetrazione nel cranio e nell’addome

Conseguentemente, l’esposizione ai led a luce rossa, non solo previene il declino di memoria agli stadi iniziali, ma permette di recuperare dal deficit anche a stadi più avanzati.

E tutto questo senza gli effetti collaterali associati ai farmaci.

Riferimenti:

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29869529/

Alessio Angeleri

Ti può interessare…

La luce rossa sconfigge la depressione

La luce rossa sconfigge la depressione

Abbiamo già visto come l’illuminazione a luce rossa dopo il tramonto predisponga e accompagni il nostro organismo verso il riposo notturno, e pertanto deve essere tassativamente l’ultima fonte di luce a cui dobbiamo esporci prima di addormentarci. Spegnere il prima...

La luce rossa contro lo stress ossidativo

La luce rossa contro lo stress ossidativo

Ormai sappiamo molto bene che l’eccesso di specie ossidanti, se non opportunamente controbilanciate, porta inesorabilmente alla patogenesi di quasi tutte le malattie degenerative e croniche che ben conosciamo. La fototerapia / fotobiomodulazione, è uno strumento...

Fotobiomodulazione per la protezione della retina

Fotobiomodulazione per la protezione della retina

La luce rossa e del vicino infrarosso ha dimostrato avere effetti neuroprotettivi in diversi modelli di malattie della retina, migliorando il metabolismo mitocondriale e riducendo l’infiammazione e lo stress ossidativo, incrementando la funzionalità visiva. La...

Luce rossa e melatonina

Luce rossa e melatonina

In questo articolo scopriamo il nesso tra melatonina e luce rossa. La melatonina è collegata alla salute mitocondriale attraverso l’interazione con i complessi della catena respiratoria I e IV, incrementando l’efficienza dei processi legati alla fosforilazione...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *